martedì 23 maggio 2017

PER NON DIMENTICARE...


domenica 14 maggio 2017

AUGURI MAMMA!

"Una piccola fessura in un muro interminabile di cemento e mattoni; un bacio di sfuggita in una stanza buia; un'unica stella in un cielo di montagna o, più semplicemente, uno strano piacevole calore attaccato alla tua pelle, ovunque ti trovi. Tutto ciò è una madre."
Tutto ciò e anche di più è mia madre. Auguri mamma!!!

lunedì 1 maggio 2017

FESTA!!!!


sabato 29 aprile 2017

LUMEZZANE - OSSERVATORIO ASTRONOMICO SERAFINO ZANI

Finalmente dopo un periodo all'insegna del maltempo, decidiamo di uscire a fare due passi in zona dirigendoci verso l'Osservatorio Astronomico Serafino Zani di Lumezzane.
Da qui partono numerosi sentieri lungo uno dei quali (il 363) abbiamo iniziato ad avventurarci. Un po' le pessime condizioni fisiche, un po' la mancanza di mezzi di sopravvivenza (non avevamo con noi né acqua né altro genere di conforto... in fondo doveva essere solo una passeggiatina...) dopo un po' siamo tornati indietro.

E comunque, nonostante il breve tratto fatto ci siamo imbattuti in un bel po' di varietà di fiorellini...  




Ed anche un "animaletto" della foresta che nonostante si fosse nascosto ben ben, sono riuscito a mettere a fuoco in un po' di foto... 



Tutte le altre foto della passeggiata, al solito le si possono vedere qui.
Alla prossima!


martedì 25 aprile 2017

PER NON DIMENTICARE...


Liberi. TUTTI! SEMPRE!


sabato 22 aprile 2017

GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Buon compleanno Gaia!!!


sabato 8 aprile 2017

ISEO - MERCATO EUROPEO

Finita la dieta posso finalmente tornare a strafogarmi... E quale miglior occasione del Mercato Europeo in riva al lago di Iseo? E quindi via verso nuove degustazioni!
Accolti nel pomeriggio da un sole caldo, ci siamo districati tra i vari stand di vari paesi guardando, annusando e assaggiando un sacco di cose buone. Ah già... c'erano anche fiori e oggettistica varia; non era solo mangereccia la cosa...
Io sono partito subito con degli assaggini di creme al tartufo per poi sciacquare la bocca con un gelato (niente di che...) e una buona birra artigianale locale.
E poi prosciuttino, focacce, pane toscano (finalmente!), marmellate inglesi, pecorino umbro, pesto ligure e farinata... e infine un'altra birra artigianale ma tedesca (ottima anche questa)
Alla fine non eravamo poi così affamati da restare al desco serale (e anche il chiasso degli stand gastronomici non era poi tanto sopportabile) e quindi siamo rientrati a casa lasciando però qualche micro rimpianto per le delizie ahimè abbandonate...
zuppa di pesce portoghese

grigliatona argentina

Paella
Le foto naturalmente le potete vedere cliccando come al solito qui. Alla prossima!!!

sabato 1 aprile 2017

VALLE DELLE CARTIERE

Pronti partenza via! Volevamo stupire con mega escursione al Monte Ario ma causa incerte condizioni meteo decidiamo di "abbassare" il livello della gita e considerando l'apertura della stagione ci portiamo a Toscolano Maderno per ripercorrere la Valle delle Cartiere (già visitata e descritta in un precedente post datato ottobre 2010).


Museo della Carta
Il vantaggio rispetto a l'altra volta è che in questo caso era aperto anche il museo (che abbiamo visitato al temine del giro); punto negativo invece è stato che il sentiero era interrotto prima delle passerelle sulla forra e quindi... niente colori spettacolari dell'acqua accontentandoci comunque di quello di cui abbiamo potuto godere.  

Al rientro della camminata, ci siamo fermati al bar del Museo della Carta per il meritato pranzetto. Causa "dieta talebana" cui sono soggetto in questo momento, non ho potuto approfittare del panino con salame nostrano ma ho dovuto ripiegare "obtorto collo" su un panino pomodoro e insalata. Panino buono comunque ma soprattutto grazie al fatto che era buono il pane!!! Meno male che 'sta dieta è in fase di chiusura....
E dopo il pranzo, naturalmente, visita al museo ampiamente documentato nelle foto dell'album.
Riproduzione ciclo della carta 
E con il gelato finale (non eccessivamente speciale) abbiamo chiuso al giornata. Qui, come al solito, le foto della gita. Alla prossima!

mercoledì 29 marzo 2017

FAI - GIORNATE DI PRIMAVERA

Come ogni anno, le Giornate del FAI risultano essere uno splendido motivo per visitare luoghi spesso non fruibili. Quest'anno siamo andati a vedere la Villa Borghese Cavazza: splendida magione situata a Isola del Garda (isoletta sotto il comune di S.Felice del Benaco) che oltre a essere molto bella ha un parco altrettanto bellissimo ed interessante con alberi che spuntano dall'acqua manco fossimo nel delta del Mississipi.
Villa Borghese Cavazza


Ma andiamo in ordine... sveglia sabato mattina (non troppo presto in realtà...) e poi in auto verso Porto San Felice dove il battello ci porta a Isola del Garda (sede appunto della Villa). Arriviamo verso le 10 e già la coda si sviluppa in modo preoccupante (c'è da dire che la villa era aperta solo il sabato per le visite del FAI). Finalmente attorno alle 12 ci imbarchiamo e raggiunta la villa, la visita guidata (anche questa di circa un'ora) ci mostra tutto lo splendore del palazzo, del parco e dei giardini. Qua si possono vedere le foto della gita (e del resto della giornata. Rientrati a "terra", pranzo in un ristorante stile messicano (spaghetti alle vongole alla faccia della dieta anti colesterolo...) e poi passeggiatina sul lago a goderci i raggi del sole di questa splendida giornata.

Ma facciamo un altro passo indietro... anche due. Non è che siamo stati fermissimi durante questo Marzo: l'11 siamo andati a fare un giretto pomeridiano in Val di Lembro dove Giordana si ricordava di esserci andata a trascorrere degli ameni pic-nic coi genitori quando era bimba. La valle è bella incavata e il torrente che la percorre invitava a pucciarci i piedi (non fosse stato ancora così freddo, probabilmente qualcuno l'avrebbe fatto) ma i colori che prendeva l'acqua, vista anche la giornata tersa, rendeva il posto veramente incredibile. Sicuramente ci si torna quando cercheremo frescura...





Lasciata la valle ci siamo diretti in un altro posto "ricordo" dell'infanzia: i Piani di Vaghezza (1120m di quota) a Marmentino


da dove partivano dei sentieri mooooolto interessanti. Scesi dalla macchina, un bel vento gelido ci accoglieva spingendoci immediatamente nell'unico bar a scaldarci con un buon cappuccino pomeridiano. Riscaldati, abbiamo perlustrato le zone circostanti pronti a prendere nota per escursioni future. Anche in questo caso, qui ci sono le foto della gitarella. 

Il 18 poi, volevamo fare un giretto a Livemmo in Val Sabbia dove ci doveva essere un sentiero che costeggiando un laghetto artificiale portava al rudere di un antico forno Forno Fusiorio di Livemmo: Forno Fusorio di Livemmo, Pertica Alta Ubicato lungo il corso del torrente Tovere, nel fondovalle di Pertica Alta, il Forno fusorio di Livemmo si nascose agli occhi dell’uomo per 150 anni fino alla sua riscoperta nel 1999. Fu operativo già nel XVI secolo ed è particolarmente interessante perché è l’unica struttura fusoria nel bresciano che abbia conservato il suo aspetto primordiale. Dall’impianto, che ha cessato la produzione nel 1848, sono visibili i carbonili costituiti da numerose arcate in pietra, gli spazi destinati allo stoccaggio del minerale e l’altoforno. (descrizione presa dal sito www.vallesabbia.info). Interessante era il fatto che la partenza del sentiero coincideva con un agriturismo e quindi nostra intenzione era quella di mangiare e poi sgranchirci le gambe lungo il sentiero. Ma.... l'agriturismo era ancora chiuso, il laghetto ormai ridotto ad una pozzanghera e l'ora di pranzo incombeva "minacciosa". Cercando un posto dove mangiare, siamo quindi arrivati fino al lago e da qui, l'andare ad Anfo al solito ristorante sul lago è stato un attimo! Ottime le pennette al bagoss con salsiccia e porcini!!!!
E allora, per smaltire sì stavolta la mangiata siamo tornati a Idro con conseguente passeggiata lungo lago a ritemprarci dalle "improbe fatiche" della giornata.
Anche in questo caso, qui le foto della passeggiata.
Street Art...sempre spiritosi questi "ragazzacci" di Idro
E ancora....5 marzo: gitarella nei dintorni di Rezzato e poi visita (quasi una consuetudine) alla Pinac dove in mostra c'erano altri disegni di bimbi... (foto della gita)

...io non sarei capace neanche adesso...
E ancor più indietro nel tempo: 25 febbraio gita a Gussago per vedere la Santissima... che non è un impropero ma è un castello in semi rovina proprio su un'altura in centro paese. Qua le foto del giretto.




Tra le altre cose, la Santissima è oggetto di una raccolta fondi da parte del Comune di Gussago per il ripristino del castello e del parco circostante. I fondi donati da privati possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi secondo il Decreto Cultura nella sezione ART BONUS (qui il link per le info specifiche).

E adesso, come dice Il Dorico, "ho detto tutto!"
Alla prossima! E cercherò di non lasciar passare troppo tempo...

sabato 18 febbraio 2017

OME - ORTO BOTANICO DELLE CONIFERE

Ed eccoci qua! Primi caldi e giornate soleggiate ci spingono a smaltire le scorie dell'inverno con audaci e impervie passeggiate!
Ma siccome è anche giusto cominciare gradualmente... decidiamo di andare a vedere un parco di conifere non autoctone ma perfettamente curate...

Il Parco è a Ome, lungo la Valle del Fus, ed è veramente interessante sia come passeggiatina pomeridiana da "pensionati" (sforzo zero, quasi come il dislivello fatto... qua il collegamento ai dati dello Sport Tracker).
All'interno del parco si trovano numerose specie di conifere con la targhetta esplicativa di cosa sia, da dove viene e quando è stata messa a dimora. Alcune piante erano abbastanza particolari poi...


Poi naturalmente un sacco di fiorellini appena sbocciati...



e anche un paio di gatti di casa curiosi di noi "curiosi bipedi"...


L'orto botanico è da rivisitare in tutte le stagioni, sicuramente in settembre e tra un mesetto abbondante per vedere come cambiano e i colori e le firoriture.
Le foto (alberi gatti e fiori ecc.), come al solito, le trovate tutte qui!
Alla prossima!